Quel che resta del forum IPASVI

07/12/2001 : 13:00:43
Cion
Caro Duca De’ Ginis, stamane aprendo gli occhi ho ritrovato sul mio cuscino sparsi, profumati petali di rosa.
Il mio pensiero è lesto corso a voi, caro Duca, che nonostante la vostra vita piena di perigli el susseguirsi di tristi accadimenti...

(Gino Duca De Ginis, già recluso nella prigione di Sabastopoli ove giunse in catene per un banale alterco col tesoriere del Re di Turingia che, senza prova alcuna, lo accusava dell'effrazione di 44 forzieri...Ma via, Signori!  Uno!
Duca Gino de' Ginis, già Arcidiacono della Contea di Favazza -qualifica revocata per coinvolgimenti in turpiloquio, offese gravi e lancio di secrezioni salivari al Caporalmaggior Scassaminchia Scoreggelli, 7° battaglione Palombari Ciclisti, 34° Armata.
Gino de Ginis, già marchese di Salaparuta, titolo revocato per molestie sessuali alla figlia del Duca di Condè, nel corso della cerimonia di investitura, Castelnuovo Garfagnana 1977.
Gino De Ginis, già Duca del Monginevro, carica revocata per illecito fiscale
Gino de Ginis, già marchese della Verza, colto in fallo dall'Avv Perry Mason in corso di distorsione di alcuni miliardini e per questo retrocesso a valvassino.)

......siete qui , con cuor ludico, ad allietare i nostri giorni.
knights Il nostro chiacchiericcio a tre è divenuto festa di paese, con discorrere futile e discorrere grave come sovviene in queste antiche sagre.
Ieri intravidi, il nostro amico Conte, parlare con Signori di diverse sigle, l’ho veduto chiedere esplicazioni e chiarimenti tutto intento a capire e ribadire.
Varie cose tra noi si è confidate, l’amor per le bestiole e la passione per il piacer carnale, il focolar di casa e l’avventura oltre il razionale.
L’odiosa guerra che tutti inorridisce, l’amor comune per la sanitaria professione e poi ancora politica e poesia di tutto un po’ senza pretesa alcuna.
Il sol conoscervi è stata gioia mia.
Così saluto e parto, ormai s’è fatto tardi, certa di ritrovarvi in altri spazi attigui, a presto dunque, e baci, baci ed ossequi tanti.
La sempre Vostra cion

07/12/2001 : 13:42:39
Gino
Voi siete il baluardo di ogni civiltà: sulla Femmina e sulla Sua conquista, o gradita considerazione, si basa pressochè ogni sforzo dell'Uomo che, tapino, non sa spesso di straziarsi per cori ingrati e/o felloni, ma comunque giustamente subiam perchè, appunto, Voi avete 'quel' potere che a noi sfugge.
Ah come vorrei ci fosse davvero la parità: noi, ahimè, si è molte leghe indietro; Voi siete e belle, e scaltre, e ardite e audaci; noi tutt'altro, tutt'al piu' ricchi, tutt'al piu' saccenti; ma soprattutto f..dipendenti.
Boh!
Amanti Nell'omaggiarVi ancor Vi porgo ogni senso delle mie perdute brame e Vi ricordo un ulterior chicca della mia gran zia jolanda, già Contessa di Arcola: '..c'è chi ce l'ha d'oro, chi c'è l'ha d'argento, e chi ci dà dei calci dentro...'
Non credo di doverVi spiegare l'oggetto della questione quale è: con ogni probabilità, Vi siete or ora seduta sopra.
Nel lasciarVi (solo virtualmente) Vi abbraccio con rispettosissima distanza dalle protuberanze muliebri (e lo credo, siamo virtuali!)-
Duca Gino de' Ginis, già ospite del Margravio di Cracowia, lì sottoposto a ingiusto processo e degradato da Comandante in Capo a palafreniere perchè colto in fallo mentre accudiva con perizia le 4 figlie femmine fra i 21 e i 25 del Gran Visir di Corte (ah, quanto dolgono ancor le 33 nerbate! Eppur, piu' m'addolora il non poter piu' udir le risate argentine delle 4 pulzelle...ah, la memoria: che gran meraviglia perderla per sempre!)
Omaggissimi al COntemascetti

08/12/2001 : 17:38:57
Conte Mascetti
Cari Amici, Care amiche, Fratello e Sorella (d'altro amor amata)
Non accendo l'elettronico oggetto da un giorno ed ecco veggo fiumi di parole, talor belle, talor banali. Visto lo titolo che alla mia umile persona riporta mi picco il diritto di chiuder quivi lo lieto discutere.
Come ogni gioco bello poco dee durar, il nostro letterario idillio ha qui da finire, almen così io credo, anco perchè oggi, menre m'appropinquavo a consegnar consegna, m'accorsi che scrissi, d'un utente che il cambio non diede ad altro utente (parlasi di attività lavorative assistite) :"Non s'è presentato a vicariar lo posto suo".
Sciocchin un po' son già, vieppiù diventar tale non desio.
knights Voglio salutare, s'intende solo per ciò che riguarda questa discussione, coloro che più d'altri il cor m'hanno sommosso: Duca Gino, fratello per la vita e Cion, amata fin dopo morte. Parmi anni li pochi giorni insieme a voi trascorsi.
La smania di sedermi alla tastiera per leggerVi, il riso mio sguaiato leggendo le battute e i titoli di mio fratello, l'immaginar (oh ...l'ardire) il corpo nudo di Cion tra le mie braccia e pensar come nell'amplesso avremmo io ed ella favellato :"...mia diletta, mi porga la sua...."; "...caro Conte, qual gaudio ..."; "...ahhh, or giungo alfine...".
Più non vado innanzi, per pudore e per rispetto dell'amata.
Altri voglio salutare, Umberta l'ubertosa e meravigliosa (saluto i suoi capezzoli con un dolce titillar di lingua, oh mio dio, che sfrontato sono!), Zuweila meravigliosa farfalla (saluto anche la di lei farfallina, oh come oso!), il sempre valido smorit, steve, nonsolonursing, il toppatore siculo (non lo insulto perchè non m'è chiaro quello che dire intendeva), Marcus, tutti caramente saluto, se qualcun non ho nomato egli mi scusi, chiedo venia.
Malinconicamente Contemascetti
p.s. - Un saluto particolare alla prostata di quel grande tastator di femminei succhi che è mio fratello.
p.p.s. - Un altro saluto particolare allo scrigno amoroso di Cion, mia diletta.

precedenti ... 1   2   3   4   5