Quel che resta del forum IPASVI

04/12/2001 : 11:41:44
Gino
Caro, caro Conte,
leggerLa è vieppiù piacevole; anch'io rifuggo da queste discussioni assolutamente giuste, dovute, professionalmente interessanti, ancorchè stancanti!!
Ahimè, la vita è breve, morir si deve, e come sosteneva il mio antico e mancato amico Riccardo,'.. noi si vive 3 giorni, uno già è andato, e il terzo ci troverà malandati...'
A Riccardo il destino fu, se vuole, lieve, perchè impedì per lui l'arrivo del terzo e ultimo giorno..
Ma non vorrei turbarLa con tali tristi accadimenti: grazie per la Sua pregiata nota; mi creda - non volevo un parere nè maschio nè femmineo; solo mi andava di celiare con un 'post' e con i suoi protagonisti, finalmente piu' allegri e ironici e giocosi..
Ah,ah, vedo che anch'Ella, caro Conte, ha vissuto la altamente godereccia pratica della dimostrazione vis-a-vis femminile dell'autoerotismo...sì,sì, piacevole.
Il Club Bene, nel porgerLe, una volta di più, i doverosi omaggi, auspico che, fra un catetere di Swan-Ganz e una (peraltro GIUSTISSIMA) occasione di rivendicazione della nostra indubbia necessità di 'conquiste' , resti il tempo per celiare, giocare, scherzare, anzi: attiviamo un club di goderecci del Nursing!!
Che ne dice?
Suo devoto
Gino de Ginis, già marchese di Salaparuta, titolo revocato per molestie sessuali alla figlia del Duca di Condè, nel corso della cerimonia di investitura, Castelnuovo Garfagnana 1977.
(Revoca alla quale inutilmente feci appello, si sa, questi avvocati, hanno sempre un amico da apoggiare, un giudice da sentire...io allora conoscevo alcuno...se Ella potesse, caro Conte, io...beh...gliene sarei grato...grazie!)

04/12/2001 : 12:13:33
Conte Mascetti
Da sempre amato Marchese
Legger la sua missiva m'ha allietato il cuore oltre ogni dire, in Lei vedo un fratello, purtroppo credo minore giacchè i miei natali trascorsi non son pochi, col quale dissertar e goder d'ogni cosa. Vorrei con Ella viaggiar per lupanari e corti d'Europa, ma ahimè, più non sono i tempi e anche se fosse la mia coscienza me lo impedirebbe, tra le mie tante contraddizioni la maggiore è quella di un unire un nobile blasone (le farò riavere il Suo, non si preoccupi) ad un animo irrimediabilmente anarco-comunista. Così è la vita.
Ma continuiamo con le cose serie.
Lei ha proposto di fondare un club di goderecci del nursing. ECCOMI, sono qui.
Spazzerò a terra, raccatterò bottiglie vuote, qualsiasi cosa farò per entrare nel suo club.
Si immagina, caro fratello, le notti che potremmo passare?
Discorreremo delle auguste fessure, di politica, ciclismo, storie vere, fors'anche di nutrizione parenterale,e se Ella lo vorrà valuteremo esami ematici ed urinari, ma io già so, caro Marchese eh eh, già io so che Lei come me più che valutar urine valuterebbe urinatrici, bricconcello d'un fratello.
La saluto col cuore gonfio di felicità, con una frase tratta da "Il Cavaliere Inesistente" di Calvino, riferita a Bradamente la bella mentre è accucciata ed intenta a far pipì:
"...era di armoniose lune, di piuma soffice e di fiotto gentile..."
Fratello questa è poesia allo stato puro !!
Gioiosamente Contemascetti

04/12/01
Gino
Eccellente!Eccellente! Grande Calvino!
Ahimè! Purtroppo perduto Calvino, e quanta gentaglia ancor respira! E la fanno pur vedere alla TV, orrida invenzione dei tempi nostri..mah.
CONTEMASCETTI! Me lo lasci urlare a tastiera alzata! Ah, rimembro un antico ammeniccolo che recitava, deposto sulla comodiera della mia prima (E ULTIMA!!AH AH AH)esperienza matrimoniale: '..ogni giorno val la pena d'esser vissuto, perchè porta con sè una piccola sorpresa..' Infatti, oggi ritrovo in Lei, caro Conte, piu' della condivisione di un analogo sentire!
E questa chiosa sulla pipì!
Ma come farà Ella a capir che amato ho sempre veder questo zampillo!
..ma non tocchiamo tasti che alcuni definirebbero da pornazzoni, quando invece sia Lei che io sappiam solo gustare gni gesto e ogni emozione che nasce e scaturisce dalla meraviglia del Creato: LA DONNA!
Così, la lascio, perchè costretto a occuparmi di cose piu' terrene (il lavoro...mah..certo, noi nobili ne dovrenmmmo esser esentati...mah..o tempora, o mores!)non senza averLe definitivamente e compiutamente espresso il mio doppio sentimento:
1- ammirazione estrema: sarebbe gradevolissimo celiar di fronte a piatti e vini che accompagnino una serata di sollazzi(le donne Le porta Lei?)con un Conte vero..quale ella è nel cuore e nei sentimenti;
2- un dolore, una fitta: non poter piu' assicurarLe, or non veggo altro modo, la mia verà identità che quivi Ella già immagino incontrò: come poter esser insieme noto & nascosto, o mi perdoni l'immorale afflato: 'uno & trino'? (tranquilli integralisti è solo una frase, e Dio se c'è è ben altrove e altrimenti occupatissimo, spero!)
Insomma, mi piacerebbe dirLe: mi scriva alla mia e-mail, che è...che è...ma come si puo'?
Un caro saluto e i miei più dovuti e sentiti omaggi a Lei, una strizzatina, gentile e lussuriosa, ai capezzoli della Sua ultima dama di compagnia che avrà certo, intanto, congedato dopo adeguato incontro.
Suo ribadito cultore, La lascio promettendoLe di ottemperare quanto prima alla instaurazione del 'Nursing Pleasure Club'
(ne facciamo una ONLUS? Orgasmi Non Limitati Universalmente Spettacolari

04/12/2001 : 12:23:18
Cion
Caro Gino, arrosii nel legger le sue impudenti righe.
Come potè rivolgersi in tal tono al una signora del mio rango?
Come osò chieder impertinenti pratiche?
Forse crede che io sia frequentatrice di luoghi nemmen per me menzionabili? Come lei ben sa, essendo uomo di mondo, posso solo dirle .... a mali estremi estremi rimedi.
Spero con queste mie, di aver placato la sua curiosità lussuriosa.
Mi saluti anche l'amico intrepido Contemascetti.
A presto, cordialmente vostra
cion

05/12/2001 08:09:49
Gino
Diletta Cion, Vostra Grazia Illuminata,
dama&cavaliere con questa modesta mia Vi prego di perdonare se ieri non ho replicato, apparentemente, al Vostro post: il fatto è che mentre le Vostre labbra digitavano ai Vostri servitori il messaggio, io stavo inserendo la mia risposta al nobilissimo ed eccellente Contemascetti.
Indi, non notai in tempo la Vostra splendida nota; non temete, non riterrei mai la Vostra persona coinvolta in luoghi e vicende quantomeno sconvenineti: rappresentate per me una rara pennellata d'azzurro in un mondo che ormai ha smarrito il gusto di vivere..
Noto peraltro una ironia simpatica e sottile (..a mali estremi, estremi rimedi..) e colgo il destro per offrirVi, ad uso degli antichi cavalieri, la mia totale dedizione: non temete se alcuno vorrà ferirVi, io partirò col mio destriero (di quelli moderni, col motore a scoppio e la benzina verde..ahi, è molto meno romantico, lo veggo!) e sarò lì, per offrire le mie forze, il mio orgoglio, il mio spirito, al Vostro esclusivo servigio.
Devotamente m'inchino e colgo il momento per omaggiare il Contemascetti, uomo raro.
Au revoir, mademoiselle.
Gino De Ginis, già Duca del Monginevro, carica revocata per illecito fiscale

segue ... 1   2   3   4   5